uffici

Siemens Headquarters

Un headquarter costruito come un pezzo di città, nel quale l'articolazione di corti e spazi verdi dialoga con il contesto al contorno.

Il masterplan di 180.000 mq per la nuova sede milanese di Siemens (che lascerà gli uffici attualmente alla Bicocca) prevede in prima fase la realizzazione di un edificio ad uso uffici di 16.000 mq, costituito da un unico corpo organizzato intorno a due corti verdi, sulle quali si affacciano al piano terra i servizi collettivi quali auditorium, bar e mensa.

I restanti tre piani ospiteranno gli uffici articolati in open space, uffici privati e sale riunioni, dai quali sarà possibile accedere alle coperture verdi dell’auditorium e della mensa. L’immobile è circondato sui lati nord ed est da aree verdi sia per garantire una qualità degli spazi aperti sia per ampliare la distanza tra il nuovo edificio e quelli esistenti su via Vipiteno. Gli uffici ai piani primo, secondo e terzo sono stati progettati recependo tutte le direttive dei Siemens office e si configurano come dei grandi open space interrotti solo puntualmente dai dispositivi di risalita. In questo layout i cinque corpi scala, di cui due principali e dotati di ascensore e montacarichi, contribuiscono a dividere l’edificio ad ogni piano in tre macro aree che permettono di organizzare meglio lo spazio secondo i diversi dipartimenti di cui si compone l’organizzazione interna di Siemens. L’ingresso è evidenziato da un arretramento del piano terra così da creare un luogo esterno protetto, e la lobby gestirà tutti i flussi e tutti i percorsi interni con spazi dedicati al relax, all’informazione e all’accoglienza. All’ingresso dell’edificio, di fronte alla pensilina di cui ora è possibile vedere la struttura metallica, è già presente una delle quattro sculture disegnate da Daniel Libeskind che all’Expo2015 di Milano segnavano l’incrocio tra Cardo e Decumano, sponsorizzate da Siemens. La facciata è stata disegnata specificamente per il controllo della radiazione solare estiva e della dispersione invernale. In particolare si tratta di un sistema a fasce orizzontali alternativamente opache (parapetto e veletta) e trasparenti (finestre a nastro): il piano terra, alterna, su tutte le facciate, pannellature cieche in gres grigio scuro e trasparenti, finalizzati a generare un dialogo degli spazi interni con gli spazi aperti circostanti destinati a parcheggio e a verde, e in genere a ridurre la quantità di superfici vetrate. Nei piani superiori la facciata è ventilata, in alucobond grigio più chiaro. Tutte le finestre saranno dotate di un sistema di tende lamellari motorizzate collegate a un sistema di rilevamento delle radiazioni solari che ne regolerà l’apertura a protezione dell’edificio. Il parcheggio che servirà l’edificio di nuova realizzazione conterà circa 244 posti auto per i dipendenti, tra cui alcuni saranno dotati di dispositivi per la carica di auto elettriche. Il progetto è efficiente, poiché minimizza l’impatto sul sito concentrando la costruzione al massimo, approfitta dell’orientamento naturale del sito, incorpora sistemi attivi e passivi di risparmio energetico e ha una struttura semplice che permette flessibilità di utilizzo dello spazio nel tempo.

Siemens Headquarters